caos calmo

La favola di Adamo ed Eva è la storia di un contratto che il fedele stipula col suo dio e con la sua religione: in Italia anche con la CEI. Di fronte al bene e al male (contenitori capaci di assimilare qualsiasi cosa abbia a che fare con le vicende umane), il fedele dovrà fare un passo indietro. Dovrà ignorare il problema, accettando la Verità. Se volesse non dico scegliere, ma anche solo porsi il problema in vista di una scelta potenziale, verrebbe meno al contratto.

Silvia Ballestra in un suo articolo sull’Unità affronta l’ultima delirante polemica sul film di Grimaldi "Caos calmo" proprio da questa prospettiva. Il punto non è la scena di sesso, che pure deve essere vissuto alla maniera cattolica… È l’elaborazione del lutto laica, senza una prospettiva divina, che disturba le papaline. Di più, il percorso interiore del protagonista non è ipocrita, affronta anche la mancanza d’amore, il riconoscere e vivere i sentimenti secondo un percorso individuale. Tutte cose che a mio modo di vedere connotano l’uomo (compreso il sesso duro) e che fanno tanto spavento alla chiesa.
Annunci

One thought on “caos calmo

  1. michelefabbri ha detto:

    A proposito di religione, sapevate che il diavolo ha scritto un libro ?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: